stiamo tranquilli…

Censis: La ripresa c’è e l’industria va, ma cresce l’Italia del rancore

0 commenti

Il Censis ha pubblicato il nuovo rapporto sullo stato della società italiana 2017, dal titolo: “La ripresa c’è e l’industria va, ma cresce l’Italia del rancore”.

Secondo il rapporto, malgrado la ripresa economica e il rilancio dell’industria offrano un po’ di respiro alle famiglie, gli anni della crisi avrebbero lasciato una scia velenosa di risentimento. Sempre secondo il Censis, non si sarebbe distribuito il dividendo sociale della ripresa economica e il blocco della mobilità sociale avrebbe causato  un diffuso rancore. La paura del declassamento viene vista come il nuovo fantasma sociale soprattutto del ceto medio e risulterebbe una componente ormai costitutiva anche della psicologia dei giovani millennials: l’87,3% di loro pensa che sia molto difficile l’ascesa sociale e il 69,3% che, al contrario, sia molto facile il capitombolo in basso.

A mancare nell’immaginario collettivo sarebbe un insieme di valori e simboli in grado di plasmare le aspirazioni individuali e i percorsi esistenziali di ciascuno, quindi di definire un’agenda sociale condivisa. Una mancanza che né la politica né la classe dirigente del paese sembrano sapere colmare:

L’onda di sfiducia che ha investito la politica e le istituzioni non perdona nessuno: l’84% degli italiani non ha fiducia nei partiti politici, il 78% nel Governo, il 76% nel Parlamento, il 70% nelle istituzioni locali, Regioni e Comuni. Il 60% è insoddisfatto di come funziona la democrazia nel nostro Paese, il 64% è convinto che la voce del cittadino non conti nulla, il 75% giudica negativamente la fornitura dei servizi pubblici. Non sorprende che i gruppi sociali più destrutturati dalla crisi, dalla rivoluzione tecnologica e dai processi della globalizzazione siano anche i più sensibili alle sirene del populismo e del sovranismo. L’astioso impoverimento del linguaggio rivela non solo il rigetto del ceto dirigente, ma anche la richiesta di attenzione da parte di soggetti che si sentono esclusi dalla dialettica socio-politica.

Immagine da Pxhere.

 

Errori o problemi nell'introduzione? segnalaceli.
Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.