stiamo tranquilli…

Opinioni e dati su sessismo, femminismo, molestie e violenza sulle donne [EN+IT+FR]

0 commenti

Su suggerimento di @ERROR 404, @MuccaTestarda, @Georges DuRoy de Cantel, @Goccia.

Mentre il blogger Nebo commenta aspramente un editoriale apparso su Le Monde a seguito delle accuse di molestie rivolte al noto accademico svizzero Tariq Ramadan, sul Post Ludovica Lugli racconta il suo percorso di avvicinamento al femminismo, favorito dalla lettura delle opere di Rebecca Solnit:

Sono femminista da quasi due anni e quattro mesi. Ho una data di anniversario precisa con il mio femminismo perché spesso tengo nota dei giorni in cui inizio e finisco un libro, e so che il 9 agosto del 2015 finii di leggere Men Explain Things To Me di Rebecca Solnit. Circa un mese fa è finalmente uscito in italiano, pubblicato da Ponte alle Grazie, con un titolo che è una traduzione letterale: Gli uomini mi spiegano le cose.

Negli ultimi tempi, la questione della componente sessista della cultura popolare, sia tradizionale, sia contemporanea è stata dibattuta su più fronti nel Regno Unito. La polemica sollevata da una madre sul contenuto sessista della fiaba della Bella Addormentata, in particolare per il bacio non consensuale ricevuto dalla protagonista, è stata ripresa da diverse testate britanniche e ha avuto qualche eco anche in Italia. Più recentemente, Anna Smith sul Guardian ha riportato una polemica circa gli elementi sessisti ravvisabili nel film Blade Runner 2049 e in particolare nel personaggio di Joi, un ologramma  dalle fattezze femminili interpretato da Ana de Armas:

An operating system who is bought by K to act as a doting, doe-eyed housewife, she appears to him in hologram form as and when he dictates, wearing and saying whatever she thinks suits his mood. Understandably, Joi has been called “a sci-fi fanboy’s wet dream”. Her owner’s emotional demands dictate whether she is in sexy or demure mode (flashback to Arnold Schwarzenegger creating his dream girl in Total Recall). How are we supposed to admire a hero whose key relationship is with a woman of his own creation who will submit to his every demand and can be switched on and off as he pleases?

L’autrice ripensa anche la famosa e oggi controversa scena della prima trasposizione cinematografica di Blade Runner, apparsa nel 1982

This scene was on my mind when I interviewed Blade Runner 2049 director Denis Villeneuve, who said he was attracted to the script (written by two men) partly due to the many female characters. “It’s a movie that shows different facets of femininity,” he said. I was hopeful.

Il regista Denis Villenueve ha risposto a queste critiche in un’intervista per Vanity Fair.

Per quanto riguarda l’Italia, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne che si è tenuta il 25 novembre scorso, Lavoce.info ha pubblicato un articolo in cui analizza il fenomeno, mettendo in guardia da interpretazioni ottimiste dei dati riportati:

Il basso numero di omicidi di donne in Italia rispetto ad altri paesi non deve creare illusioni. Per le donne il rischio resta dentro le mura di casa. Come dimostrano anche i numeri di altri reati. Il fenomeno è complesso e i dati aiutano a comprenderlo.

Immagine da Maxpixels.

 

Errori o problemi nell'introduzione? segnalaceli.
Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.