stiamo tranquilli…

Chi sono i nuovi poveri? Il reddito è una variabile generazionale

di Yoghi • 11 Apr 2018 • 0 commenti 4

Su suggerimento di @Yoghi.

Un articolo del Sole 24 Ore analizza i dati forniti dalla Banca d’Italia sui bilanci delle famiglie italiane:

Per quel che interessa qui, l’estrema sintesi del rapporto è la seguente: negli ultimi dieci anni, e anche dopo la crisi economica, gli italiani più anziani sono l’unico gruppo che ha perso pochissimo o spesso nulla; viceversa, il conto è stato pagato soprattutto dai giovani.

 

Economia, Feat

Il bello di un mini Def 2018

Il bello di un mini Def 2018

di Yoghi • 10 Apr 2018 • 0 commenti 1

A cura di Yoghi.

Come ogni anno, quando viene la primavera i governi Ue sono chiamati a riassumere in un documento ufficiale le loro opinioni e intenzioni sull’andamento dell’economia e della finanza pubblica.

 

Economia, Rapide

La ricetta di Cottarelli: «Poche regole, ma chiare: così l’Italia può rinascere»

di martina • 7 Mar 2018 • 0 commenti 11

A cura di @martina e su suggerimento di @GiMa.

Linkiesta intervista Carlo Cottarelli, Direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, che è stato uno dei commissari chiamati in questi ultimi anni a razionalizzare la spesa pubblica ed ha appena pubblicato un libro intitolato “I sette peccati dell’economia italiana”. 

Economia, Feat, hookii Best

Centri di ricerca 4.0, al via incentivi per quattro anni

di Yoghi • 25 Feb 2018 • 0 commenti 1

Su suggerimento di @Yoghi.

Si apre ufficialmente la corsa ai finanziamenti per i grandi centri italiani di Industria 4.0. Dopo un lungo ritardo, il ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato il bando di gara per la costituzione dei Competence center, i poli pubblico-privato che dovranno fornire alle imprese formazione, consulenza e servizi di trasferimento tecnologico.

 

Economia, Feat

Le «inutili» lauree umanistiche danno sempre più lavoro

di Baboz • 23 Feb 2018 • 0 commenti 3

Su suggerimento di @Baboz.

Un articolo di Alberto Magnani sul Sole 24 Ore commenta i dati dell’American academy of arts and sciences  per gli Stati Uniti e Almalaurea per l’Italia sulle prospettive occupazionali dei laureati in discipline umanistiche:

Trovano lavoro, guadagnano tanto da «permettersi tutto quello che vogliono», soffrono di tassi di disoccupazione simili a quello degli altri dipartimenti.

 

Economia, Feat