stiamo tranquilli…

Tatuaggi e rianimazione

0 commenti

A cura di @Guglielma Bon.

Un paziente viene portato in ospedale. È incosciente, è grave e i paramedici gli hanno trovato sul petto un tatuaggio che recita “non rianimare”. Cosa fare?

Una lettera al New England Journal of Medicine racconta delle decisioni prese in questo contesto dal team medico e legale. Voi cosa ne pensate?

Immagine da Wikimedia.

Errori o problemi nell'introduzione? segnalaceli.
Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.