stiamo tranquilli…

Mostrami il Monet

0 commenti

Un articolo pubblicato sulla rivista Aeon e proposto su Internazionale con la traduzione di Bruna Tortorella ripercorre la storia della consacrazione artistica di Claude Monet raccontando la crescita di interesse – soprattutto dal punto di vista finanziario – per l’impressionismo, negli anni ottanta dell’Ottocento, tra i ricchi collezionisti d’arte statunitensi – tendenza tuttora particolarmente vivace – e il trasferimento negli anni successivi di parte delle opere del celebre pittore francese dalle collezioni private ai musei.

Il 16 novembre 2016, uno degli uomini più ricchi degli Stati Uniti, il guru degli investimenti e filantropo Tom Marsico, è diventato ancora più ricco: a un’asta di Christie’s a New York, uno dei Covoni di Claude Monet è stato venduto a 81,4 milioni di dollari. Il prezzo, che ha battuto il record di vendita di un quadro dell’autore all’asta, era sei volte quello che Marsico aveva pagato nel 2002, dimo-strando che ben pochi investimenti rendono quanto un Monet.

Immagine da Wikimedia.

 

 

 

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.