stiamo tranquilli…

Morire in un buco nero

di pigtr • 12 Dic 2018 • 0 commenti 3

In questo episodio di Scientificast

La Soyuz torna nello spazio con dell’equipaggio
La Cina prova ad atterrare sul lato non visibile della Luna
Sempre in Cina, arriva la condanna delle sperimentazioni di Crispr sull’uomo

 

Feat, Scienza

La bellezza di un fossile opalizzato

La bellezza di un fossile opalizzato

di V per Vendemmia • 6 Dic 2018 • 0 commenti 4

A cura di @V per Vendemmia.

National Geographic riporta che, in una miniera dell’entroterra australiano, sono stati scoperti dei fossili appartenenti ad una nuova specie di dinosauro, un erbivoro bipede delle dimensioni di un cane a cui è stato dato il nome Weewarrasaurus pobeni, dalla zona di rinvenimento. 

Rapide, Scienza

Dalle stalle alle stelle

di pigtr • 28 Nov 2018 • 0 commenti 0

In questa puntata Marco e Giuliano discutono dell’ennesimo taglio ai fondi del Consiglio Nazionale delle Ricerche. I Direttori degli istituti del CNR hanno donato il sangue (fisicamente, all’Avis) come controparte del sangue che ricercatori, tecnici ed amministrativi danno (metaforicamente) per portare andare avanti le loro ricerche.

 

Feat, Scienza

Salvare la regina

Salvare la regina

di V per Vendemmia • 26 Nov 2018 • 0 commenti 7

A cura di @V per Vendemmia.

Le Scienze riporta che uno studio, condotto da ricercatori dell’Università di Losanna e dell’Institute of Science and Technology Austria, ha dimostrato che in caso di infezioni e malattie contagiose le formiche sono velocemente in grado di cambiare il loro comportamento al fine di preservare la sicurezza della regina e del suo intorno, garantendo così la sopravvivenza della colonia. 

Rapide, Scienza

Come ti cambio il chilogrammo

di pigtr • 21 Nov 2018 • 0 commenti 0

Con Giorgio e Paolo oggi parliamo della grande rivoluzione in atto in merito al cambiamento dei riferimenti delle unità di misura fondamentali, in particolare quella del peso, il chilogrammo.

 

Feat, Scienza

Due scienziati tornano a ipotizzare che Oumuamua sia una navicella aliena (ma le probabilità sono scarse)

di NedCuttle21(Ulm) • 19 Nov 2018 • 0 commenti 3

a cura di NedCuttle21(Ulm)

Secondo due fisici dell’Harvard Smithsonian Center for Astrophisics, la causa dell’improvvisa accelerazione rilevata nell’oggetto spaziale noto come Oumuamua, e osservata durante la fase di allontanamento dal nostro Sole, potrebbe risiedere nella sua origine artificiale, ipotesi già proposta qualche tempo fa e poi, grazie all’analisi dei dati raccolti dal programma di ricerca Breakthrought Listen, subito accantonata. 

Feat, Scienza