stiamo tranquilli…

Avete bisogno di odiare per camuffare la vostra miseria

Avete bisogno di odiare per camuffare la vostra miseria

0 commenti

A cura di @NedCuttle21(Ulm) (modificato).

Su Left, Giulio Cavalli prende spunto dal linguaggio utilizzato dal Ministro dell’interno, nonché dal tweet di Giorgia Meloni sul reato di tortura, come segni del dilagare di una cultura dell’odio.

Alzi la mano chi si ricorda una una sola proposta di Salvini che non passi attraverso il violento schiacciamento della dignità di qualcuno. Intende la cura del proprio Paese solo immaginando il diritto di fottersene di tutti gli altri; immagina la sicurezza spendendo parole sulla durezza delle pene per i colpevoli senza sapere immaginare una riforma che sia una nuova legge, una modifica delle esistenti, una cosa qualsiasi; parla di diritto al lavoro solo raccontando a chi lo toglierebbe; è incapace di discutere di giustizia senza attaccarsi alle braghe di qualche magistrato che non gli piace o invocando minori diritti per i presunti colpevoli che lui giudica ritenendosi Cassazione; è incapace di parlare di famiglia senza usare come sponda qualche malcelata offesa ai gay; non sa parlare di laicità se non brucando il muschio di qualche presepe.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.