stiamo tranquilli…

Lo strano caso dell’uomo che smarrì il suo corpo

15 commenti

Su suggerimento di @Mambombuti

La propriocezione, o cinestesia, è la straordinaria capacità che possediamo di sapere esattamente la posizione dei nostri arti e del nostro corpo nello spazio, grazie al risultato del lavoro dei recettori cinestetici (parola che deriva dal greco kinein, ‘muovere’, e aisthesis, ‘sensazione’) un particolare tipo di neuroni che innerva i muscoli, i tendini e le articolazioni. Grazie all’estensione o alla contrazione dei gruppi muscolari questi recettori, suscettibili alla pressione meccanica, sono in grado di generare una serie di impulsi nervosi i quali – una volta analizzati dalle aree della corteccia cerebrale motoria – determinano la percezione del nostro corpo nello spazio. In alcuni, rari, casi è possibile perdere la propriocezione: è il caso di Ian Waterman, l’uomo che perse il suo corpo, la cui storia ci è raccontata da L’Antro di Chirone.

Immagine da By Loadmaster (David R. Tribble)- Own work, CC BY-SA 3.0, Wikimedia Commons.

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.