stiamo tranquilli…

Ostaggi in Assurdistan, ovvero: il lasciapassare e noi

Ostaggi in Assurdistan, ovvero: il lasciapassare e noi

0 commenti

Bui, Cattabriga, Di Meo, Guglielmi e Pedrini illustrano le loro remore sul Pass Verde.

Nelle settimane scorse abbiamo (Wu Ming) ospitato o segnalato contributi critici sul cosiddetto «green pass», posizioni e analisi altrui che non coincidevano in toto con la nostra.

Mancava un testo in cui, sul «green pass» e su questa fase dell’emergenza pandemica, dicessimo come la pensiamo noi in modo dettagliato e dal principio alla fine.

L’occasione di scriverlo ce l’ha data l’imminente ritorno all’attività on the road. Ci attendono presentazioni all’aperto, presentazioni al chiuso, reading, spettacoli… Volenti o nolenti, col «green pass» avremo a che fare. Ma appunto, che fare?

In questa prima puntata spieghiamo perché secondo noi il «green pass», detta come va detta, è una merda.

Nella seconda puntata, tra qualche giorno, ragioneremo da lavoratori della cultura e dello spettacolo quali in effetti siamo, esporremo a lettrici e lettori i problemi che abbiamo di fronte, e si capirà bene il perché del titolo.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.