stiamo tranquilli…

1’11″88 – il GP di Silverstone, 40 anni fa

0 commenti

Su segnalazione di @nagatomo (modificato)

Il 14 luglio scorso si è disputato a Silverstone il GP di Inghilterra, proprio come 40 anni esatti prima.
Quella del 1979 fu una gara che stabilì diversi primati: FormulaPassion ripercorre la storia della protagonista di quel GP, la FW07, dell’allora quasi sconosciuta scuderia Williams, che si accaparrò la vittoria e la pole position col tempo record di 1’11″88.

La scuderia inglese vinse il suo primo GP (5a ed ultima vittoria di Clay Regazzoni) e realizzò il giro più veloce in gara con Alan Jones – la prima guida – in testa fino a metà gara fino alla rottura del motore. Fu la prima pole position conquistata dal team. Jones se l’era accaparrata il giorno prima con un tempo ottimo: 1’11″88. Quel numero era 6 secondi e mezzo più basso di quello di 2 anni prima (in UK si correva in alternanza tra Silverstone e Brands Hatch). Un’enormità.

Frank Williams e il socio (nonché progettista) Patrick Head avevano portato al top una vettura che riprendeva, migliorandola, la già fenomenale Lotus 79 con cui Mario Andretti aveva dominato il campionato precedente.

I soldi dei nuovi ricchi sponsor arabi (che imposero festeggiamenti a base di succo d’arancia vietando lo champagne – altra prima volta) permisero a Head di lavorare molto in galleria del vento.

Come riportato nel già citato artico di FormulaPassion, Ross Brawn racconta che la prima volta in galleria del vento, arrivarono a pensare ad un guasto degli strumenti non sapendo come interpretare valori completamente fuori scala che erano invece dovuti alla eccezionale bontà delle soluzioni tecniche adottate.

C’era parecchio fermento in quella F1. Due settimane prima, nel GP di Francia (nella celeberrima gara delle “sportellate” tra Villeneuve e Arnoux) Jabouille aveva fatto registrare la prima vittoria della Renault nonché la prima di un motore turbocompresso. Sempre a Digione aveva esordito la nuova Arrows A2 dall’aerodinamica estrema senza gli alettoni anteriori.

Immagine da Wikimedia.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.