stiamo tranquilli…

Com’è cambiato il Green Light District di Copenaghen

0 commenti

A cura di @s1m0n4.

La Città Libera di Christiania è un quartiere parzialmente autogovernato nel cuore di Copenaghen. Noto anche come Green Light District, su questo suolo autogestito veniva tollerata la libera compravendita di droghe leggere.

Ma come riporta The Post Internazionale, dal 2016, in seguito ad una sparatoria che ha ferito due poliziotti e portato alla morte dello spacciatore di cannabis che aveva aperto il fuoco, i cittadini di Christiania hanno chiesto aiuto alla polizia danese per porre fine al mercato di sostanze stupefacenti. Pusher Street è così passata da un mercatino a cielo aperto ad una versione molto meno folkloristica.

Che cos’è Christiania? Nasce nel 1971 nel quartiere di Christianshavn, in una zona di Copenhagen estesa per 34 ettari precedentemente destinata a uso militare e poi abbandonata. Un gruppo di squatters danesi lancia l’idea, sbarca e occupa gli stabili e i magazzini, li decora con opere d’arte, costruisce baracche e case prima più semplici e in seguito più elaborate.

Viene proclamata città libera, free town, con proprie leggi e propri ordinamenti. È al centro della capitale, ma è come essere su un’isola lontana decine di miglia dalla costa tanto è il silenzio. La verde Christiania è circondata dall’acqua come un fossato, è un paradiso per gli ornitologi e terreno fertile per runners e ciclisti.

Immagine da flickr.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.