stiamo tranquilli…

L’emergenza coronavirus – 23 Novembre – 26 Novembre 2020

0 commenti

Sul sito della protezione civile si può vedere una mappa della situazione in Italia (qui c’è la versione per dispositivi mobili). Su VirusConV si possono trovare i dati per la situazione mondiale. Il sito del Sole 24 ore fornisce dati e mappe aggiornate e qui potete trovare infografiche aggiornate sulla base dei dati del Ministero della Salute

Qui trovate la pagina ufficiale di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) con tutte le ultime novità sugli studi condotti in Italia. Qui trovate gli aggiornamenti settimanali dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità)
Se ci sono articoli che vorreste vedere nel prossimo post segnalateli qui.

Vaccino Covid. Ecco il piano del commissario Arcuri.

di Perodatrent

Il Quotidiano Sanità rende noto il piano con cui il commissario Arcuri intende distribuire le prime dosi del vaccino Pfizer, dando la priorità al personale sanitario e agli anziani nelle RSA.

L’Italia disporrà già da fine gennaio 2021 di circa 3,4 milioni di dosi da somministrare a 1,7 milioni di persone.

E in questo senso il target prescelto sono gli operatori sanitari e gli anziani delle Rsa. Per questo Arcuri propone “in questa prima fase, di somministrare il vaccino direttamente nelle strutture ospedaliere e, tramite unità mobili, nei presidi residenziali per anziani”.

Per gli altri vaccini in arrivo, destinati, invece, a tutte le altre categorie di cittadini, il commissario propone “modalità differenti di somministrazione, in linea con la ordinaria gestione vaccinale, attraverso una campagna su larga scala (es drive-through) a partire dalle persone con un elevato livello di fragilità”.

La brutta faccia del remdesivir, il primo farmaco approvato per il trattamento della Covid-19

di Perodatrent

La rivista Science pubblica un commento critico sulle modalità con cui la Gilead, azienda produttrice del remdesivir, ha ottenuto l’autorizzazione  da parte della FDA per la vendita del farmaco, e  un contratto con la UE per la fornitura del prodotto ai paesi dell’Unione.

Secondo Science le decisioni sono state affrettate.
In particolare, quella della FDA non è giustificabile perché quando è stata presa era già disponibile un trial della WHO che non mostrava effetti favorevoli del farmaco su mortalità e durata della malattia. Quella della UE era stata presa prima della pubblicazione formale degli esiti del trial, ma quando la Gilead già conosceva i risultati negativi.

Dopo la pubblicazione dell’articolo di Science la WHO ha preso la decisione di sconsigliare l’uso del remdesivir per il trattamento dei pazienti con Covid-19, mentre continuerà a dare il suo supporto per i trial che saranno fatti per valutarne l’efficacia.

 

Manteniamo leggibili i post sulla pandemia.
Facciamo uno sforzo contenendo gli OT e le risse: leggere le discussioni centrate sull’argomento è utile a tutti.

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.