stiamo tranquilli…

Un mondo pieno di errori fantastici

Un mondo pieno di errori fantastici

0 commenti

Un articolo del Manifesto (link alternativo) ricorda lo scrittore Gianni Rodari, in occasione dell’apertura dell’anno rodariano, che continuerà fino al 23 ottobre 2020.

«In principio la Terra era tutta sbagliata/ renderla più abitabile fu una bella faticata/ Per passare i fiumi con c’erano ponti,/ non c’erano sentieri per salire sui monti./ Ti volevi sedere? Neanche l’ombra di un panchetto./ Cascavi da sonno? Non esisteva il letto./ Per non pungersi i piedi, né scarpe, né stivali./ Se ci vedevi poco, non trovavi gli occhiali. Per fare una partita, non c’erano palloni;/ mancavan la pentola e il fuoco per cuocere i maccheroni,/ anzi, a guardar bene, mancava anche la pasta./ Non c’era niente di niente: zero più zero e basta./ C’erano solo gli uomini con due braccia per lavorare,/ e agli errori più grossi si poté rimediare./ Da correggere, però, ne restano ancora tanti:/ rimboccatevi le maniche, c’è lavoro per tutti quanti!».

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.