stiamo tranquilli…

Björn Höcke alla Buchmesse

Björn Höcke alla Buchmesse

0 commenti

A cura di @Anna.

Kater prende spunto dalle polemiche italiane sulla partecipazione della casa editrice di area neofascista Altaforte per parlare della protesta inscenata da Martin Sonneborn alla Fiera del Libro di Francoforte (la più grande d’Europa) per la partecipazione dell’esponente AfD Björn Höcke.

Björn Höcke è il leader di AfD in Turingia, e la stampa – tedesca e non solo – se ne è occupata spesso perché è anche il capofila di Der Flügel, l’ala più radicale del partito di destra, quella più nazionalista e più in odore di neonazismo. Höcke iniziò a far parlare di sé un paio di anni fa, quando durante un comizio lamentò che “i tedeschi sono l’unico popolo ad avere messo un monumento alla vergogna nel cuore della propria capitale”, riferendosi al Memoriale per gli ebrei assassinati d’Europa, e auspicò per la Germania una “inversione di 180 gradi nella politica della memoria”. Dichiarazioni che, se da un lato misero in imbarazzo la leadership di Frauke Petry, il cui disegno strategico era quello di “ammorbidire” la corrente più intransigente e trasformare AfD in un partito “normale” – o come si dice qui salonfähig, “presentabile” – dall’altro resero Höcke la figura di riferimento per l’ala più estrema, e ne aumentarono inevitabilmente il peso politico. Ora, non serve che vi ricordi che Frauke Petry fu praticamente estromessa dalla guida degli alternativi e ora è fuori dal partito, vero?

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.