stiamo tranquilli…

Le avventure di Lina Bo

0 commenti

Su suggerimento di @Yoghi.

Michele Masneri racconta sul Foglio la vita dell’architetta modernista Lina Bo Bardi.

Quello che ho fatto in Brasile non lo avrei potuto costruire in Europa. Per questo sono brasiliana”, dice la Bardi deslumbrada da un paese con un’architettura “che non ha diecimila anni ma dieci, dove costruire è necessario, e l’architetto brasiliano è un ragazzo chiamato alle armi all’improvviso”. “Le città brasiliane rivelano un’umanità che vuole sistemarsi rapidamente, guadagnare tempo: un’umanità che lavora”, dirà, un po’ milanese e un po’ brasiliana.

Immagine da Wikimedia.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.