stiamo tranquilli…

Un crimine oltre ogni immaginazione

0 commenti

In un lungo articolo pubblicato su The Atavist Magazine, Katia Savchuck ripercorre la storia di Matthew Muller, un avvocato statunitense affetto da manie di persecuzione resosi responsabile di gravi reati, tra cui intrusione domestica, rapimento e violenza sessuale. Il caso ha fatto scalpore anche per un clamoroso errore investigativo.

Poco dopo le sette del mattino del 9 giugno 2015, Misty Carausu si è unita a un gruppo di agenti di polizia schierati fuori da una cabina verde scuro con finiture bianche. Le tende all’interno erano tirate. I pini Jeffrey proiettavano ombre dense sul vialetto. L’aria era immobile, a parte il rumore degli stivali sull’asfalto e il richiamo occasionale di un uccello.

Carausu, 35 anni, era più bassa di almeno una testa rispetto agli altri agenti ed era l’unica donna. Indossava un ombretto iridescente e orecchini di perle insieme a un giubbotto tattico. Mentre impugnava la pistola, le sembrava di essere entrata in uno dei documentari di cronaca nera che guardava di notte. Era il primo giorno di Carausu come detective.

Durante il tragitto verso la scena del crimine, era stata aggiornata sul caso. Intorno alle 3:30 del venerdì precedente, un’infermiera di 52 anni di nome Lynn Yen, che viveva ai margini di Dublin, il sobborgo a est di San Francisco dove lavorava Carausu, aveva chiamato il 911. Pochi minuti prima, Lynn e il marito sessantenne, Chung, si erano svegliati con una torcia e un laser che brillavano sui loro volti. Un uomo mascherato e vestito di nero si trovava ai piedi del loro letto. “Abbiamo vostra figlia ed è al sicuro”, ha detto l’uomo. Kelly, 22 anni, era nella sua camera da letto dall’altra parte del corridoio.

 

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.