stiamo tranquilli…

Videogiocare rende più intelligenti, stare sui social no

0 commenti

In un articolo sul suo blog, Paolo Attivissimo riporta uno studio pubblicato su Nature, condotto da un gruppo di ricercatori olandesi e svedesi, sugli effetti in giovane età delle più comuni attività di svago tramite media digitali.

I ricercatori hanno analizzato quasi 10.000 bambini statunitensi di età iniziale compresa fra 9 e 10 anni, tenendo conto delle differenze genetiche e del contesto socioeconomico e valutandone le capacità due anni più tardi. Il tempo passato davanti a uno schermo da questi bambini, ossia dalle quattro alle sei ore giornaliere di media, è stato suddiviso in tre attività: guardare video su Internet o su un canale televisivo, fare videogiochi e socializzare online.

Secondo i risultati dei ricercatori, socializzare tramite i social network non ha effetti positivi o negativi sull’intelligenza, mentre guardare video ha un effetto positivo e lo stesso vale per i videogiochi, che producono il massimo effetto. In particolare, più tempo si passa a videogiocare, più aumenta l’impatto positivo sull’intelligenza, e non ci sono differenze in questo effetto fra ragazzi e ragazze.

Un altro aspetto interessante è che anche la visione di video (online e non) sembra mostrare un effetto positivo, ma i ricercatori hanno scoperto che questo scompare quando nel modello viene tenuto conto dell’educazione dei genitori al posto del loro status socioeconomico.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.