stiamo tranquilli…

La debolezza di Xi [EN]

0 commenti

In un lungo articolo di Foreign Affairs viene descritta l’ascesa e il sistema di potere costruito da Xi in Cina

“In qualsiasi sistema politico, il potere incontrollato è pericoloso. Staccato dalla realtà e liberato dal vincolo del consenso, un leader può agire in modo avventato, attuando politiche poco sagge, impopolari o entrambe le cose. Non sorprende, quindi, che lo stile di governo sapientone di Xi abbia portato a una serie di decisioni disastrose. Il tema comune è l’incapacità di cogliere l’effetto pratico delle sue direttive.”

Secondo l’autrice Cai Xia, ex docente cinese di teoria politica, espulsa dal PCC nell’agosto 2020 per aver criticato il Partito sotto il dominio di Xi e poi rifugiatasi negli USA,  Xi ha progressivamente smantellato il meccanismo di governo  elaborato dopo la caduta di Mao per evitare il ritorno al culto della personalità, e reintrodotto progressivamente un sistema accentrato nelle sue mani.

L’aspetto più preoccupante sarebbe lo sviluppo di una politica estera sempre più aggressiva, fondata su un acceso nazionalismo e un militarismo sempre più accentuato, che secondo l’autrice potrebbe essere prodromico alla decisione di scatenare il conflitto con Taiwan.

D’altra parte, una serie di errori nella gestione dell’economia e della pandemia stanno creando un diffuso malcontento, che tuttavia non dovrebbe impedire a Xi di conquistare il suo terzo mandato (in vista del quale ha fatto approvare una modifica della Costituzione, abrogando il limite di due mandati introdotto da Deng).  In ogni caso

“l’impresa di ottenere un terzo mandato non addolcirebbe coloro all’interno del PCC che si risentono per l’accumulo di potere e rigettano il suo culto della personalità, né risolverebbe il suo crescente problema di legittimità tra le persone. In effetti, le mosse che avrebbe probabilmente fatto in un terzo mandato aumenterebbero le probabilità di guerra, disordini sociali e crisi economica, esacerbando le lamentele esistenti. Anche in Cina, per rimanere al potere ci vuole qualcosa di più della semplice forza e intimidazione; le prestazioni contano ancora. Mao e Deng hanno guadagnato la loro autorità attraverso risultati: Mao liberando la Cina dai nazionalisti e Deng aprendola e scatenando un boom economico. Ma Xi non può indicare trionfi così concreti. Ha meno margine di errore.

L’unico modo praticabile per cambiare rotta, per quanto posso vedere, è anche il più spaventoso e mortale: una sconfitta umiliante in una guerra. Se Xi dovesse attaccare Taiwan, il suo obiettivo più probabile, ci sono buone probabilità che la guerra non vada come previsto e Taiwan, con l’aiuto americano, sarebbe in grado di resistere all’invasione e infliggere gravi danni alla Cina continentale. In tal caso, le élite e le masse abbandonerebbero Xi, aprendo la strada non solo alla sua caduta personale, ma forse anche al crollo del PCC come lo conosciamo”.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.