stiamo tranquilli…

L’irrazionalità dei “dati” ed il progresso scientifico [EN]

0 commenti

Michael Strevens (professore di filosofia alla New York University) pubblica su Aeon il breve saggio Keep science irrational in cui discute il rapporto, all’interno della scienza contemporanea, tra teorie scientifiche e dati sperimentali.

Il consenso contemporaneo che, per prendere in prestito le parole di Stephen Hawking, “l’unica cosa che mi importa è che la teoria preveda le misure sperimentali” sarebbe un’affermazione tinta di fondamentalismo, che esclude altri criteri di accettabilità di una teoria scientifica, quali “eleganza teorica, unità, coerenza filosofica” — criteri tutt’ora utilizzati dagli scienziati che, però, sono costretti a tacere nel momento in cui passano dalla divulgazione alla pubblicazione dei propri lavori.

Portando esempi storici (Gellmann ed i quark) e contemporanei (l’esperimento LIGO), Strevens vuole convincerci che fare affidamento solo sui dati sperimentali è, al tempo stesso, una scelta fondamentalmente irrazionale e purtuttavia cruciale nell’aver lanciato la rivoluzione scientifica.

 

Immagine da Wikimedia Commons


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.