stiamo tranquilli…

moovies novembre 2022

0 commenti

Questo mese prendiamo spunto da una serie di video dell’autore e regista Svevo Moltrasio suggeriti lo scorso mese da Ipsin e NickCorea sullo stato attuale del cinema italiano: spoiler: non va benissimo. Il primo video mostra un bel po’ di dati sugli incassi del cinema italiano in Italia e in Europa, prendendo come riferimento principalmente la Francia. Anche il Post aveva raccolto un po’ di dati in questo articolo di febbraio 2022. Sostanzialmente, i film italiani escono, arrivano nelle sale ma non incassano, sul mercato interno e anche su quello d’esportazione. Perché? Secondo Moltrasio, il problema non sta nel cinema d’eccellenza, d’autore, ma nelle produzioni medie, che hanno sempre rappresentato la maggioranza degli incassi. Con l’esempio di Il giorno più bello confrontato con l’originale francese C’est la vie, uscito in Italia con il titolo Prendila come viene, Moltrasio individua nel secondo video alcuni difetti: troppo poche sceneggiature originali, troppo poco budget, una scrittura e una presentazione dell’opera più televisiva che cinematografica, con protagonisti, regista, direttore della fotografia molto più abituati ai tempi e alla produzione televisiva che cinematografica, poca attenzione agli incassi finali al botteghino perché sembra più importante portare finanziamenti, scelte registiche, attoriali, di scenografia, di sceneggiatura, di fotografia, di scrittura dei personaggi piatte, banali e forzate. E’ perché non esistono o non esistono più le competenze o perché il sistema non le mette in condizione di esprimersi o a nessuno interessa che vengano espresse? O il problema sono troppi soldi e troppi film e poco tempo per realizzarli, come sembra pensare il direttore artistico della biennale di Venezia Augusto Barbera o anche Moltrasio nel suo terzo video, in cui smonta anche una serie di luoghi comuni (costo del biglietto, film romanocentrici, mancanza di film di genere, eccessiva distanza nei decenni passati fra film d’autore e film commerciali)? O forse le serie hanno eroso il pubblico del cinema e hanno abituato a una certa fruizione? E nemmeno lo streaming può porre rimedio alla mancanza di pubblico in sala, come discusso nel video sulla base di questo paragone tra gli incassi del maggior successo al botteghino, Endgame, e il maggior successo di Netlix, Red Notice.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.