stiamo tranquilli…

Reddito di cittadinanza, l’ex navigator: «Mai visto offerta di lavoro congrua»

0 commenti

Il Sole24Ore pubblica un articolo in cui dà la parola a uno dei navigator che si sono occupati di far incontrare la domanda e l’offerta di lavoro come previsto dalla legge sul reddito di cittadinanza.

Secondo l’intervistato la gran parte dei precettori del RdC è occupabile solo sulla carta e le offerte di lavoro non sono “congrue”. Di conseguenza, i risultati del programma non sono buoni.

Quante offerte di lavoro congrue ho ricevuto per i percettori del reddito di cittadinanza? Neanche una. Le assunzioni che rispettino le distanze chilometriche dalla residenza proprie dell’offerta congrua sono una vera rarità…

… La maggior parte dei percettori del Rdc che ho incontrato, pur essendo considerati abili al lavoro, non era occupabile, almeno nell’immediato, perché non lavorava da anni o era scarsamente istruita.

L’intervistato porta la sua testimonianza su questo provvedimento, cavallo di battaglia del Movimento Cinque Stelle, che con il nuovo governo pare essere giunto ormai al termine.

Luca (nome di fantasia) è un ex navigator, come i suoi ex colleghi è laureato, essendo un cinquantenne fa parte della platea più anziana, considerando che l’età media negli ultimi mesi si è attestata sui 38 anni. Dal 31 ottobre è scaduto anche il suo contratto di collaborazione, come al migliaio di ex navigator rimasti, rispetto ai 2.980 originari. Ecco la sua testimonianza, che contiene molti spunti di riflessione sull’esperienza che il ministro del Lavoro, Marina Calderone ha detto di considerare conclusa.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.