stiamo tranquilli…

Un attacco cinese ha colpito migliaia di aziende italiane e potrebbe fare danni

0 commenti

Sta succedendo qualcosa di terribile, eppure nessuno in Italia ne parla. Ad inizio gennaio un gruppo hacker cinese, sfruttando una falla zero day di Exchange, ha iniziato ad infettare server di posta in tutto il mondo e proprio l’Italia, secondo i primi dati raccolti, sarebbe uno dei paesi più colpiti .

Inizia così un lungo articolo su DDAY.it che parte dalla scoperta ad inizio 2021 due falle “zero day”, quindi sconosciute, legate ai server di posta Exchange. Microsoft chiude il problema con una patch urgente ad inizio marzo, ma nel frattempo le analisi svelano una situazione ad alto rischio: 150.000 server compromessi in tutti il mondo, il 10% dei quali in Italia.
Le indagini hanno portato ad un gruppo di hacker cinesi legati al Governo, Hafnium. Gli hacker avrebbero colpito una serie di aziende in tutto il mondo, ma soprattutto in USA: università, aziende di ricerca, enti governativi. Sulla questione sta indagando anche l’FBI.

Immagine da Flickr.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.