stiamo tranquilli…

Clausole “morali” nei contratti degli autori [EN]

0 commenti

A cura di @werner58.

La giornalista Judith Shulevitz riferisce sul New York Times della recente diffusione di clausole “di onorabilità” nei contratti degli scrittori americani, che permetterebbero alle case editrici di rompere i contratti di chi resta coinvolto in polemiche a sfondo sessuale o politico (condizionale d’obbligo: per il momento, non si conoscono casi in cui siano state contestate in tribunale).

In pratica, alcune case editrici stanno cercando di estendere al giornalismo e alla letteratura pratiche di gestione dell’immagine pubblica normalmente associate a pubblicità e sponsorizzazioni sportive:

“If what you’re selling me is your reputation, if that’s what I’m paying you for, then I should not have to pay you if your reputation tanks”

Immagine da Flickr.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.