stiamo tranquilli…

Smettiamola di definire Woody Allen un predatore sessuale, non lo è. E non c’entra nulla con il metoo

di The User Formerly Known as M@ • 5 Ott 2020 • 0 commenti 9

Alice Oliveri su The Vision riflette sulle accuse rivolte al regista nuiorchese dal movimento MeToo:

Woody Allen – per fare quello che è uno degli esempi più eclatanti – è stato fin dai suoi albori preso di mira dal MeToo e ultimamente, con la pubblicazione della sua autobiografia e l’ennesima denuncia della figlia adottiva Dylan Farrow è tornato ad essere oggetto di critiche. 

 

Cultura, Feat

Clausole “morali” nei contratti degli autori [EN]

di werner58 • 12 Gen 2019 • 0 commenti 1

A cura di @werner58.

La giornalista Judith Shulevitz riferisce sul New York Times della recente diffusione di clausole “di onorabilità” nei contratti degli scrittori americani, che permetterebbero alle case editrici di rompere i contratti di chi resta coinvolto in polemiche a sfondo sessuale o politico (condizionale d’obbligo: per il momento, non si conoscono casi in cui siano state contestate in tribunale). 

Cultura, Feat

The Breakfast Club nell’era di #MeToo [EN]

di Saburo • 9 Apr 2018 • 0 commenti 1

A cura di @Saburo.

Molly Ringwald, star di The Breakfast Club e di altri film culto degli anni ottanta (fra cui Sixteen Candles e Pretty in Pink), afferma in un articolo su The New Yorker di trovare oggi il film di Johh Hughes “inquietante”, soprattutto dopo averlo riguardato insieme alla figlia di 10 anni. 

Cultura, Feat