stiamo tranquilli…

Il latte surrogato dell’UE che sta devastando il settore lattiero-caseario africano

Il latte surrogato dell’UE che sta devastando il settore lattiero-caseario africano

0 commenti

Quando Hamidou Bandé cresceva nel Burkina Faso rurale verso la fine degli anni settanta l’idea di bere latte straniero era inconcepibile. Gli scolari erano soliti bere il prodotto fresco fornito dai mandriani nomadi durante la ricreazione. Suo padre vendeva latte della mandria di famiglia alle latterie local molto velocemente.

Oggi non una singola goccia di latte del suo bestiame di più di trecento vacche viene consumato localmente: il suo bestiame viene venduto per carne nei paesi limitrofi e talvolta elimina il latte sversandolo a terra.

L’esperienza di Bandé è lungi dall’essere un caso isolato. Il comparto locale dice che produttori europei usano i mercati dell’Africa Occidentale per sbarazzarsi di prodotto di bassa qualità derivato da latte di vacca che non sono in grado di vendere nell’Unione Europea. Questo surrogato di latte a basso costo viene irrobustito con grassi vegetali tra cui olio di palma. Il suo basso prezzo e la sua diffusione rendono la competizione impossibile, dicono gli allevatori, provocando una spirale di declino economico.

Ne parla Politico.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.