stiamo tranquilli…

Alexis Tsipras: «L’austerità dell’Ue è morta»

Alexis Tsipras: «L’austerità dell’Ue è morta»

0 commenti

Il Manifesto pubblica un’intervista al leader greco Alexis Tsipras (estratto su Twitter).

Negli anni, Syriza è entrata in diverse fasi. La sua ascesa ha impresso una forma più radicale al partito, ora Syriza aggiunge al suo nome Alleanza Progressista. Cos’è Syriza oggi? Perché apre un dialogo con forze di « centrosinistra»?

La responsabilità della sinistra è lottare per migliorare la vita delle persone, questo significa mobilitarsi e costruire un movimento, ma significa anche governare e saper governare. Stare al governo in Grecia per quattro anni e mezzo, portare il Paese fuori dalla crisi economica e dai programmi dei creditori, proteggere i più svantaggiati, affrontare la peggiore crisi di rifugiati dalla seconda guerra mondiale e risolvere una delle controversie più importanti nei Balcani, ha rafforzato l’esperienza di Syriza-Alleanza Progressista. Abbiamo imparato dai nostri successi ed errori, cosa significa essere un governo di sinistra in Europa e quanto sia importante. In questo momento critico, è cruciale la capacità che ogni partito politico progressista ha di leggere, valutare e agire sullo stato attuale delle cose, sia a livello nazionale che globale. L’ostacolo principale è l’incapacità o forse la riluttanza, da parte di alcuni partiti, a rendersi conto che le sfide sul fronte della crisi climatica e delle disuguaglianze sociali, sono profonde, generazionali ed esistenziali. Che dopo la pandemia non si può tornare ai modelli neoliberisti del passato. Il riflesso di alcuni partiti è quello di finire col fare «politica come al solito», cercando di guadagnare punti sugli avversari politici, sia di destra che di sinistra. Ma non funziona più. O sei dalla parte giusta della storia o scompari nell’insignificanza.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.