stiamo tranquilli…

👀 Apologia delle gare matematiche

0 commenti

A cura di @NedCuttle21(Ulm).

Su MaddMaths!, le riflessioni di Alberto Saracco sull’importanza delle competizioni matematiche.

Non sono pochi i matematici che ritengono che le gare di matematica diano una visione distorta della matematica. Per citare un esempio, ecco una dichiarazione di un mio autorevole collega di Parma:

Le Olimpiadi rischiano a volte di dare ad alcuni un imprinting non corretto. Nella realtà, per fare matematica, l’approccio diciamo così olimpionico, volto a risolvere cose in velocità e trattando casi particolari invece di privilegiare una visione più ampia e approfondita, può essere fuorviante e dar luogo a persistenti equivoci.

Giuseppe Mingione, intervista a MathIsInTheAir

oppure che falsino i test d’ingresso alle Università, fornendo un grosso vantaggio a chi ha partecipato a competizioni di matematica e soprattutto a stage di preparazione alle gare rispetto a chi è rimasto fuori dal circuito.

Voglio provare a trattare con serietà entrambe le obiezioni. Io sono profondamente convinto che le gare matematiche siano molto utili da entrambi i punti di vista e cercherò di spiegare il perché. Ovviamente quanto dirò è la mia opinione personale, frutto delle mie esperienze da matematico (studente e professionista) e da giocatore, allenatore e organizzatore di giochi matematici.

Immagine da pycril.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.