stiamo tranquilli…

Chi ha lasciato che questo ragazzo si uccidesse in prigione?

0 commenti

A cura di @NedCuttle21(Ulm).

In un reportage pubblicato su Internazionale, Giuseppe Rizzo ricostruisce la drammatica vicenda giudiziaria di Valerio Guerrieri, un giovane con problemi psichici la cui esistenza si è conclusa tragicamente nel carcere di Regina Coeli la sera del 24 febbraio 2017.

Alle dieci di sera di venerdì 2 settembre 2016 un ragazzo è fermo con la sua moto sulla corsia d’emergenza del grande raccordo anulare (Gra) di Roma. Il cielo è terso, un anticiclone ha spazzato via le piogge dei giorni precedenti e nell’aria c’è ancora uno scampolo d’estate. Sull’anello stradale che circonda la capitale il traffico sferraglia lento. Qualcuno sta uscendo, qualcun altro sta rientrando a casa, certi sono ancora in giro per lavoro. Tutti stanno andando da qualche parte, tranne il ragazzo.

Immagine da Wikimedia.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.