stiamo tranquilli…

Ci sono solo 12 persone dietro la maggior parte delle bufale sui social media [EN]

0 commenti

NPR riporta i risultati  di uno studio del Center for Countering Digital Hate sulla diffusione online delle bufale sulla Covid-19.

Secondo gli autori, ci sono 12 persone fisiche (con diversi account) dietro al 65% delle condivisioni delle disinformazioni, quasi tutte con interessi economici e/o professionali come motivazioni.

I responsabili dei social network dichiarano di trovarsi in difficoltà nel bloccare completamente gli account:

spokesperson Elizabeth Busby said Twitter distinguishes between “harmful vaccine misinformation that contradicts credible public health information, which is prohibited under our policy, and negative vaccine sentiment that is a matter of opinion.”

Immagine da Ccnull

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.