stiamo tranquilli…

Dopo i russi, gli iraniani? Messenger nel mirino, l’epopea di NotPetya

0 commenti

Tanta carne al fuoco su questo fronte questa settimana, e anche tanto fumo. Cerchiamo di diradare le nebbie. Già nei giorni scorsi si era parlato di nuovi tentativi di disinformazione attraverso account finti sui social media da parte di Stati. Ora però c’è un nuovo attore sulla scena: l’Iran.

L’articolo continua su Guerre di rete, la newsletter di Carola Frediani.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.