stiamo tranquilli…

Hong Kong e il digitale; il bacio dell’AI; lo stalker in tasca; internet trend e altro

0 commenti

Hong Kong: analisi digitale di un movimento (per ora) vittorioso
Le proteste di piazza e digitali di Hong Kong contro una legge che avrebbe permesso l’estradizione in Cina di sospettati hanno incassato una prima temporanea vittoria, la sospensione del voto sul provvedimento. “In piazza nei giorni scorsi si è presentato un milione di persone, caratterizzato da una agguerrita e organizzata presenza di giovani, memori della sconfitta subita nel 2014 quando la «rivoluzione degli ombrelli» si chiuse senza alcun successo e con una coda repressiva pesante per gli organizzatori delle manifestazioni”, scrive Simone Pieranni sul manifesto. “Insieme a loro una popolazione trasversale, middle class e lavoratori, con un unico obiettivo: difendere l’autonomia, sempre minore, che resta a Hong Kong e che ancora oggi la differenzia dalla Cina continentale”.

Continua  a leggere su Guerre di rete, la newsletter di Carola Frediani.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.