stiamo tranquilli…

Il blocco dei licenziamenti non penalizza i giovani

0 commenti

Antonio Aloisi e Valerio De Stefano – per la rivista Il Mulino – spiegano perché chi dice che il blocco dei licenziamenti penalizza i giovani mira realmente solo a ridurre il costo del lavoro.

dire che il blocco dei licenziamenti penalizza i giovani presuppone l’idea di espellere dal mercato del lavoro persone più anziane di più difficile ricollocazione per consentire alle imprese significativi risparmi di costo del lavoro. A sostenere le spese di tutto questo sarebbe evidentemente la collettività, che dovrebbe sobbarcarsi il costo di supportare il reddito e ricollocare i lavoratori licenziati e una ulteriore compressione della quota di reddito nazionale destinata ai salari, considerato che i giovani lavoratori sarebbero pagati meno dei “senior”.

Immagine da pxhere.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.