stiamo tranquilli…

La vera storia di Sir Mo Farah [EN]

La vera storia di Sir Mo Farah [EN]

0 commenti

Tutti conoscono il leggendario Mo Farah, mezzofondista e maratoneta britannico, campione olimpico dei 5000 metri piani e dei 10000 metri piani a Londra 2012 e Rio de Janeiro 2016, sei volte campione mondiale e detentore del record europeo dei 10000 m piani.

In una recente intervista alla BBC, Mo ha rivelato il suo travagliato passato, quale vittima della tratta di esseri umani (human trafficking): nato a Gibuti, a nove anni è stato portato illegalmente nel Regno Unito e costretto a lavorare come domestico per una famiglia; il suo vero nome è Hussein Abdi Kahin.

“Quando sono arrivati ​​nel Regno Unito, la donna lo ha portato nel suo appartamento a Hounslow, a ovest di Londra, e gli ha sottratto un pezzo di carta con i dettagli di contatto dei suoi parenti.

“Proprio davanti a me, l’ha strappato e messo nel cestino. In quel momento ho capito di essere nei guai”, dice.

Sir Mo dice che doveva fare i lavori domestici e l’assistenza all’infanzia “se volevo cibo in bocca”. Dice che la donna gli ha detto: “Se mai vuoi rivedere la tua famiglia, non dire niente”.

“Spesso mi chiudevo in bagno e piangevo”, dice.

Per i primi anni la famiglia non gli permise di andare a scuola, ma quando aveva circa 12 anni si iscrisse al settimo anno al Feltham Community College.

Al personale è stato detto che Sir Mo era un rifugiato somalo.

La sua tutore di riferimento Sarah Rennie dice alla BBC che è venuto a scuola «trascurato e incurante di ciò», che parlava pochissimo inglese ed era un bambino “emotivamente e culturalmente alienato”.”


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.