stiamo tranquilli…

L’amicizia riguarda la lealtà e non le regole. Dovrebbe essere controllata? [EN]

0 commenti

Leath Plunkett si chiede su Aeon se l’amicizia può essere descritta come un comportamento soggetto a leggi e regole precise che ne regolino il comportamento o se, al contrario, sia la semplice applicazione di un principio di lealtà verso gli altri. Nel primo caso, invece, è possibile tentare una casistica? Se sì, possiamo governarla coi nostri comportamenti?

Immagine da Wikimedia.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.