stiamo tranquilli…

Le strade statali storiche: un’occasione per il turismo in Italia

0 commenti

Massimiliano Tonelli su Artibune parla delle strade statali come monumenti culturali e possibilità di sfruttamento di questo patrimonio artistico.

Tonelli parte da un’esperienza personale, il percorso in scooter della ex Strada Statale 71. Da Montefiascone (cittadina sul lago di Bolsena) a Ravenna, il tracciato è ricolmo di perle per il viaggiatore:

Mi sono dilungato, è vero, ma era necessario snocciolare per lasciare il senso della quantità. Della numerosità. Della mole sconsiderata e smisurata di contenuti che, in Italia, puoi trovare in un percorso anomalo, zero turistico, su una semplice, misconosciuta strada statale del Paese. Hai tutto. Tutto. Mari e laghi, fiumi e montagne, foreste e pascoli meravigliosi con aziende agricole strabilianti. Hai borghi, cittadine, città che son state capitali. Hai etruschi e bizantini. Hai lo Stato della Chiesa e il Granducato di Toscana. Hai Lazio, Umbria, Toscana e Romagna viste tutte di sguincio, come piace a quella parte di viaggiatori curiosa, attenta, colta e vogliosa di imparare.

La SS71 non è sola: Aurelia, Appia, Emilia sono tutti nomi di strade statali che attraversano il Paese e che permettono di raggiungere le infinite mete turistiche che punteggiano la Penisola stessa. Tonelli pensa che alcune di queste strade potrebbero essere loro stesse una meta turistica (un brand per chi ne capisce di certi argomenti); questo perché, oltre a collegare città e paesi, attraversano territori con storie importanti, mostrano paesaggi, sfiorano località uniche, offrono la possibilità di fare un’esperienza di viaggio più lenta e rilassata.

Queste strade dovrebbero essere loghi, brand, identità visiva. Permettono viaggi lenti, permanenze di più giorni, distribuiscono risorse nel territorio, nei borghi, nelle aree interne. A differenza delle ferrovie antiche (che pure meritano grande attenzione e lo stiamo vedendo in questi giorni) sono già pronte, serve solo arredarle e comunicarle. Potrebbe essere una sfida sana delle comunità.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.