stiamo tranquilli…

L’emergenza coronavirus – 5 Novembre -8 Novembre 2020

0 commenti

Sul sito della protezione civile si può vedere una mappa della situazione in Italia (qui c’è la versione per dispositivi mobili). Su VirusConV si possono trovare i dati per la situazione mondiale. Il sito del Sole 24 ore fornisce dati e mappe aggiornate e qui potete trovare infografiche aggiornate sulla base dei dati del Ministero della Salute

Qui trovate la pagina ufficiale di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) con tutte le ultime novità sugli studi condotti in Italia. Qui trovate gli aggiornamenti settimanali dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità)
Se ci sono articoli che vorreste vedere nel prossimo post segnalateli qui.

Le migliori mascherine per correre, andare in bici e fare allenamento

di Perodatrent

Rolling Stone propone un elenco di mascherine che sarebbero adatte per fare attività sportive.

Purtroppo l’articolo non si sofferma sulla capacità filtrante nei confronti dei virus.

 

DATAVIRUS: il lockdown per gli anziani può servire?

di Perodatrent

ISPIonline pubblica un articolo di Matteo Villa in cui l’autore esamina la fattibilità di una strategia di isolamento degli anziani per evitare danni maggiori all’economia e alla salute della popolazione.

Come abbiamo raccontato spesso, a pandemia in corso non esiste un “ottimo”, ma solo un “meno peggio”. Siamo dunque tutti alla costante ricerca di un compromesso…  di certo l’isolamento selettivo non sarebbe, da solo, una soluzione al problema della saturazione degli ospedali. Ma renderebbe ogni livello di contagio notevolmente più sostenibile, perché sia il numero massimo delle persone che necessiterebbero di terapia intensiva, sia la velocità di riempimento dei posti a disposizione sarebbero nettamente inferiori.

è a nostro parere sbagliato ritenere che quella dell’isolamento selettivo sia un’opzione da scartare o da non considerare a priori. La consapevolezza che l’isolamento selettivo non possa essere “la” soluzione, ma soltanto una tra le diverse possibilità da valutare, non dovrebbe impedirne una serena (ma urgente) discussione.

… Tornando alle nostre considerazioni iniziali, in una pandemia non ci sono “pasti gratis”, e tutte le azioni che decidiamo di compiere sono il frutto di un compromesso che soppesa rischi e benefici.

 

Manteniamo leggibili i post sulla pandemia.
Facciamo uno sforzo contenendo gli OT e le risse: leggere le discussioni centrate sull’argomento è utile a tutti.

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.