stiamo tranquilli…

Macron cambia il Primo Ministro

0 commenti

«Venerdì 5 giugno Jean Castex avrà finalmente finito con questa vita da recluso e potrà tornare a Prades, nei Pirenei Orientali, dalla sua famiglia che non vede da due mesi. Monsieur déconfinement sta per terminare la sua missione con la sensazione di aver fatto un buon lavoro».

Comincia così il ritratto del Monde, pubblicato il 4 giugno scorso, di Jean Castex, nuovo primo ministro di Emmanuel Macron, fino a ieri mattina quasi sconosciuto al grande pubblico e molto probabilmente inconsapevole di dover restare a Parigi ancora a lungo, quando il 5 giugno aveva superato il boulevard périphérique per tornare al sud.

Castex ha 55 anni e fino a poche settimane fa era responsabile di un’équipe di 18 persone incaricata di dare una mano al governo nel gestire la riapertura delle attività. La Francia ha adottato misure simili all’Italia, e c’era grande incertezza su come ripartire: il nuovo primo ministro ha superato brillantemente la prova, ed è questo uno dei motivi che ha portato alla sua scelta.

Un ruolo di secondo piano, che però lo ha proiettato verso l’incarico più importante della sua carriera, alla guida di un nuovo governo che dovrà affrontare la crisi economica più dura dal dopoguerra e forse una seconda ondata di coronavirus (si spera di no, per il bene di tutti).

Contnua a leggere su Marat, la newsletter


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.