stiamo tranquilli…

Neutrini su Ultima Thule

0 commenti

Andrea e Marco per una puntata (non troppo, quando ci sono loro) insolitamente lunga, che si apre con la scoperta di un buco nero gigante dove non dovrebbe esserci: questo buco nero ci darà forse informazioni sulla sua formazione e su molte altre cose, ma per ora ci confonde le idee un sacco.
Simone e Fabio tornano a parlare di automobili e simili, riprendendo il discorso sugli pneumatici: la tecnologia e la scienza che stanno dentro a una gomma erano troppo ingombranti per stare in un intervento solo.
Torniamo in studio per rispondere a una domanda di un ascoltatore, Carlo, riguardo la pubblicazione di articoli scientifici da parte di uno studente di scuola di Dottorato: di lì divaghiamo sulle varie tipologie di riviste scientifiche fino ad approdare alla tendenza che sta prendendo piede in questi anni, le riviste open access… ma prima, sempre a proposito di approdi, indulgiamo nel momento polemica sul nome che è stato dato a 486958 Arrokoth, l’asteroide visitato da New Horizons, che era stato chiamato provvisoriamente Ultima Thule… ma poi si è pensato che questo nome fosse troppo “compromesso” per via della mitologia nazista.
Infine, prendendo spunto dagli ultimi risultati dell’esperimento Katrin, ci soffermiamo sul poco che ancora sappiamo sui neutrini e sul molto che ancora cerchiamo di scoprire.

La nuova puntata di Scientifiscast è disponibile su Spreaker.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.