stiamo tranquilli…

Tre cose che stanno succedendo

0 commenti

Brian Morrissey è stato per nove anni presidente e direttore di Digiday, un sito che si occupa di informazione e riflessioni sui media e che è diventato uno dei più aggiornati su questi temi. Ora lui ha deciso di lasciare e mettersi in proprio creando una sua newsletter (idea che sta condividendo con diversi giornalisti americani, ultimamente: ne riparleremo): a premessa del primo numero ha sintetizzato così le sue tre idee “pregiudiziali” su cosa stia succedendo, e sono molto in sintonia con cose di cui abbiamo scritto in queste settimane, quindi le adottiamo oggi.
– preferisco i media verticali costruiti intorno a comunità piuttosto che i mass media pensati per pubblici molto estesi
– nel 2020 gli abbonamenti sono una base migliore come modello di ricavo rispetto alla pubblicità, ma questo non significa che io sia contrario alla pubblicità
– la tendenza più interessante oggi nei media è uno spostamento verso la qualità e l’attenzione dopo un periodo di follia a nutrire algoritmi e ottimizzazioni per contesti strani (vedi social network, motori di ricerca, eccetera, ndr).

 

Continua a leggere su Charlie, la newsletter


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.