stiamo tranquilli…

Una nuova Weimar? [EN]

Una nuova Weimar? [EN]

0 commenti

A cura di @francisco quintay.

Un importante storico inglese, Richard J. Evans, tratteggia in un lungo articolo un parallelo tra l’attuale stato della democrazia e la crisi della Repubblica di Weimar

“Le regole di base della politica democratica in molti paesi, tra cui la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, sono più in pericolo di quanto non lo siano mai state dai primi anni ’30. Tuttavia, non tutto è perduto. La democrazia non sta ancora vivendo un crollo in stile Weimar. Nel Regno Unito, l’indipendenza giudiziaria è molto meglio stabilita rispetto a Weimar, nonostante gli attacchi dei media ai giudici come “nemici del popolo”. Anche se Trump sta rifacendo le Corti americane a un ritmo allarmante, come ha scritto Dahlia Lithwick in queste pagine quest’estate— questo rimane vero anche negli Stati Uniti. La separazione dei poteri sancita dalla costituzione americana conferisce al congresso un po ‘di sicurezza da un presidente ribelle: non può minacciare di sospenderlo nel modo in cui un determinato primo ministro britannico può usare la prerogativa reale per sospendere il parlamento.

In entrambi i paesi, la cultura politica democratica, nonostante tutte le sue debolezze, è molto più radicata di quanto non fosse nella Germania tra le due guerre, o del resto nella Turchia contemporanea, in Ungheria, Russia o Venezuela. E per quanto amaramente divisa la sinistra possa sembrare, le divisioni sono andate molto più in profondità a Weimar. I comunisti e i socialdemocratici ottennero più voti tra loro rispetto ai nazisti alle elezioni del Reichstag del novembre 1932, ma non riuscirono a fermare l’ascesa al potere di Hitler. Stalin aveva incaricato i comunisti di concentrare il loro fuoco sui socialdemocratici, le cui forze, dopo tutto, avevano ucciso i leader comunisti Karl Liebknecht e Rosa Luxemburg nel 1919. Il loro obiettivo era anche quello di distruggere la democrazia di Weimar e creare una “Germania sovietica”. Al contrario, la sinistra del 21 ° secolo è in gran parte impegnata nella democrazia rappresentativa, che apre la possibilità di collaborazione tra le sue diverse ali, sebbene attualmente in Gran Bretagna, con Corbyn al timone del Partito Laburista, è difficile vedere che sta succedendo.”


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.