stiamo tranquilli…

Una simbiosi tra evoluti predatori

0 commenti

Su suggerimento di @Grazia Tassoni.

L’Eden Killer Whale Museum custodisce la curiosa storia della simbiosi tra due efferati assassini: le orche e gli esseri umani.

Quando le orche intercettavano un gruppo di balene in migrazione, le accerchiavano spingendole fin dentro al golfo di Twofold Bay, vicino alla costa. Qui un’orca maschio, il capobranco, nuotava fino al molo per allertare i balenieri, saltando e schiaffeggiando l’acqua con la coda. Gli uomini balzavano sulle barche e avevano gioco facile nell’arpionare e uccidere le balene. In cambio dell’aiuto ricevuto, i balenieri instaurarono la cosiddetta “legge della lingua”: legavano la carcassa della balena appena uccisa a una barca o a una boa, e la lasciavano in acqua tutta la notte in modo che le orche potessero reclamare la loro parte del bottino – vale a dire, le enormi labbra e la lingua del cetaceo con cui pasteggiare.

Immagine: A. Davey


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.