stiamo tranquilli…

Paul Rusesabagina, l’uomo che ha ispirato il film “Hotel Rwanda”, è stato incriminato per terrorismo e omicidio

Paul Rusesabagina, l’uomo che ha ispirato il film “Hotel Rwanda”, è stato incriminato per terrorismo e omicidio

di hookii • 14 Set 2020 • 0 commenti 1

Paul Rusesabagina, l’uomo che durante il genocidio dei tutsi in Ruanda salvò un migliaio di persone nascondendole nell’hotel da lui diretto a Kigali, la capitale del paese, è stato incriminato per terrorismo, omicidio e altri 11 capi d’accusa dal governo
Continua a leggere: Paul Rusesabagina, l’uomo che ha ispirato il film “Hotel Rwanda”, è stato incriminato per terrorismo e omicidio
Fonte: il Post Mondo

 

FEED

Charlie – 13 settembre 2020

di Sakuragi • 14 Set 2020 • 0 commenti 2

In una delle frequenti fasi di tensione tra il M5S e i giornali degli ultimi anni (tensione anch’essa attenuata di recente, come molte altre delle anomalie di quel partito), alcuni suoi esponenti minacciarono come ritorsione di approvare degli interventi legislativi per ridurre non solo i cosiddetti contributi diretti e indiretti ai giornali (quelli indiretti sono agevolazioni varie soprattutto al settore della carta stampata di cui beneficiano tutti), ma anche di abolire quella forma ulteriormente indiretta di contributo che sono le inserzioni pubblicitarie prescritte dalla legge per le comunicazioni da parte di enti e amministrazioni pubbliche: quelle più frequenti e familiari a chi sfoglia i quotidiani sono i bandi di gara pubblici, poi ci sono avvisi diversi che si ritiene corretto abbiano estesa pubblicità tra i cittadini e gli interessati e non restino confinati ai documenti amministrativi; e anche la pubblicazione delle sentenze processuali, che ha altre regolamentazioni ma che si riferiscono in molti casi sempre alla carta stampata.

 

Cultura, Feat

Anche Francia e Svezia dicono che Alexei Navalny è stato avvelenato

Anche Francia e Svezia dicono che Alexei Navalny è stato avvelenato

di hookii • 14 Set 2020 • 0 commenti 2

Lunedì il portavoce del governo tedesco Steffen Seiber ha detto che laboratori in Svezia e Francia hanno confermato che l’oppositore russo Alexei Navalny è stato avvelenato con il pericoloso agente nervino, il novichok, sviluppato dalla Russia tra gli anni Ottanta
Continua a leggere: Anche Francia e Svezia dicono che Alexei Navalny è stato avvelenato
Fonte: il Post Mondo

 

FEED