stiamo tranquilli…

Casaleggio ha beffato Conte, i soldi del M5S per farsi il partito

0 commenti

Su Il Riformista un articolo di Nicola Biondo e Marco Canestrari illustra il conflitto fra Casaleggio e il movimento 5 stelle

Davide Casaleggio tiene in ostaggio il Movimento 5 stelle. C’è anche la richiesta di riscatto: 450.000 euro. C’è un problema: ha ragione lui. E che abbia ragione Casaleggio è un problema politico e istituzionale che riguarda la nostra democrazia. Perché dopo aver visto nascere il partito-azienda l’Italia ha partorito una seconda anomalia: l’azienda-partito. Con un partito che diventa ostaggio dell’azienda che l’ha inventato.

A cavallo tra il 2016 e il 2017, Davide Casaleggio decide di separare le attività dell’azienda da quelle del partito, fondando l’associazione Rousseau. A fine del 2017, il partito viene di fatto rifondato, da Davide Casaleggio e Luigi Di Maio. I motivi sono due: la formalizzazione di un soggetto politico vero (prima c’erano la non-associazione M5s e l’Associazione di Genova di proprietà di Grillo, che ancora detiene il marchio M5s) e la necessità di cominciare a gestire i dati correttamente. Questo è un passaggio cruciale. Davide Casaleggio inventa il suo sistema per cui gestisce e controlla il primo partito italiano quasi senza apparire.

Immagine da Flickr

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.