stiamo tranquilli…

Chi specula sugli affitti degli studenti a Bologna

0 commenti

A cura di NedCuttle21(Ulm).

Alice Facchini ha realizzato per Internazionale un reportage sulla situazione abitativa nella città di Bologna, dove gli studenti universitari fuorisede fanno sempre più fatica a trovare un alloggio.

“Io e il mio ragazzo avevamo già versato la caparra per un appartamento in affitto qui a Bologna. Arriva il giorno del trasloco e l’agente immobiliare, anziché darci le chiavi, ci dice che la proprietaria ha cambiato idea e ha deciso di non darci la casa. Per contratto ci hanno dovuto restituire una cifra pari al doppio della caparra, ma noi non sapevamo cosa farcene: eravamo in mezzo a una strada, con tutti i bagagli, così ci siamo seduti in un bar e abbiamo ricominciato a guardare gli annunci. Così è cominciata la nostra odissea”. A parlare è Alice De Matteis, 21 anni, di Napoli, iscritta alla facoltà di antropologia. Fa parte dei circa 65mila universitari che vivono a Bologna. Negli ultimi quattro anni i fuorisede sono passati da 36mila a 41mila, facendo crescere la domanda di alloggi. Il numero degli appartamenti disponibili però è rimasto lo stesso, anzi in parte è diminuito a causa dell’aumento delle case affittate ai turisti: secondo una ricerca dell’istituto Cattaneo, negli ultimi due anni gli annunci su Airbnb sono pressoché raddoppiati. Sempre meno posti letto ma sempre più studenti, il risultato è che trovare casa è diventato sempre più difficile.

Immagine da Flickr.

 


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.