stiamo tranquilli…

Grafica 2D: una storia giapponese

0 commenti

A cura di @werner58

Le industrie tecnologiche giapponesi sono talvolta molto legate a processi interni, proprietari, che preferiscono sviluppare direttamente, invece di affidarsi a soluzioni standard. Le software houses di videogiochi, negli anni eroici ’80-’90 e in parte anche dopo, non facevano eccezione: ogni azienda tendeva ad essere molto più gelosa rispetto ai concorrenti occidentali dei propri motori grafici, sistemi audio e anche di vari bizzarri marchingegni grafici, sviluppati per aiutare i disegnatori degli asset bidimensionali per i giochi a 8 e 16 bit.

Il blog Videogame Densetsu ci illustra queste trovate dell’ingegno nipponico, passando in rassegna tutte le principali software house del tempo e i loro esperimenti con carta millimetrata, scanner primitivi, penne ottiche e joystick enormi. La parola d’ordine: “all’epoca sembrava una buona idea”.

 

— Immagine da Flickr


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.