stiamo tranquilli…

Grande dibattito, grandi lezioni

0 commenti

A cura di @Jonny.

Francesco Palermo, docente di Diritto Pubblico Comparato all’Università di Verona e già membro della Commissione Affari Costituzionali durante la scorsa legislatura, riflette sull’esperimento politico-sociale del “Gran Débat”, voluto da Emmanuel Macron per cercare di risolvere le delicatissime questioni sociali che attraversano la Francia odierna.

Palermo pone l’accento sull’inquadramento giuridico dell’esperienza partecipativa francese e che si chiede, tra le righe, se possa essere presa a modello in altri paesi per affrontare problemi simili.

Davvero si possono leggere questi dati come una mera operazione di marketing politico del presidente e del governo? Certo, ora bisognerà vedere quale uso sarà fatto della mole di idee e proposte. La democrazia partecipativa ha il grande pregio di non sostituirsi al processo politico (rappresentativo o diretto che sia) ma di precederlo e di integrarlo. Non fornisce da sola una garanzia di risultato. Ma consente un dialogo con la società che nessuna consultazione elettorale o referendaria può produrre, e una raccolta di saperi diffusi che nessun esperto può fornire.

Immagine da Wikimedia.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.