stiamo tranquilli…

Il coinvolgimento tedesco nella guerra in Ucraina [EN]

Il coinvolgimento tedesco nella guerra in Ucraina [EN]

0 commenti

In un lungo editoriale sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung, lo storico statunitense Timothy Snyder analizza e risponde alle tesi dell’influente filosofo tedesco Jürgen Habermas sulla Besonnenheit tedesca — termine con cui indica l’atteggiamento attendista e molto prudente del cancelliere Olaf Scholz.

Forse il punto centrale della critica che Snyder muove ad Habermas e, per estensione, allo stupore ed impreparazione del dialogo interno tedesco, è la seguente:

Nulla nel discorso tedesco ha preparato i tedeschi alla realtà di un attacco russo e alla realtà della resistenza ucraina. Dato questo doppio fallimento, sembrerebbe ragionevole chiedersi se ci possa essere qualcosa di fondamentale all’interno del discorso tedesco che possa essere riparato, magari frequentando discorsi e razionalità al di fuori della Germania. La prima regola del discorso postcoloniale è quella di permettere ai colonizzati di parlare. Eppure Habermas non dà a nessun ucraino un nome, né tantomeno una voce.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.