stiamo tranquilli…

Il governo belga taglia i fondi alla consulta dei musulmani

Il governo belga taglia i fondi alla consulta dei musulmani

0 commenti

Jean-Pierre Stroobants su Le Monde parla della decisione del governo belga di tagliare i fondi all’«Esecutivo dei musulmani del Belgio», fino ad oggi interlocutore ufficiale e anello di congiunzione tra stato e credenti.

Le argomentazioni del ministro della giustizia Vincent Van Quickenborne non lasciano molto spazio all’interpretazione:

Non abbastanza indipendente, non abbastanza democratico e trasparente, soggetto a interferenze straniere… In breve, «una somma di fallimenti» e «dilettantismo». Il ministro della Giustizia belga, Vincent Van Quickenborne, liberale fiammingo, da diversi mesi sta valutando in modo intransigente l’Esecutivo dei musulmani in Belgio (EMB), un organismo che, al momento del suo riconoscimento ufficiale, sembrava essere un modello in Europa a metà degli anni Novanta.

Sull’onda dell’esperienza belga, anche in Italia si è provata una strada simile grazie al Ministro Pisanu prima, Alfano poi.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.