stiamo tranquilli…

La Grecia di Tsipras fuori dalla morsa della Troika ma a che prezzo?

La Grecia di Tsipras fuori dalla morsa della Troika ma a che prezzo?

0 commenti

A cura di @NedCuttle21(Ulm).

Un articolo pubblicato su Left prova a fornire un quadro della situazione socio-economica della Grecia.

La Grecia è ufficialmente fuori dal memorandum – una recente decisione dell’Eurogruppo ha differito al 2032 l’inizio del ripianamento di parte del debito – ma anche la stampa “amica” di Tsipras non può fare a meno di interrogarsi se davvero riuscirà realmente a lasciarsi dietro le spalle, «seppur gradualmente», otto anni di austerità, disoccupazione, emigrazione, miseria, suicidi, morti per malasanità e psicofarmaci a go-go per chi sopravvive. L’economia greca è stata distrutta per un quarto dall’inizio del “salvataggio”. Se il Pil cresce del 2% è comunque il 20% sotto quello del 2010. Le entrate dei greci sono crollate del 38,3%, il tasso di povertà si attesta al 22%, il sistema pensionistico pubblico ha subito tagli del 14 % e la maggior parte dei pensionati hanno perso un terzo del loro potere d’acquisto, il 30% delle imprese ha chiuso, gli investimenti delle imprese sono crollati del 60%, il tasso di disoccupazione supera il 20%, il debito pubblico è superiore al 178%, molti greci non hanno altra scelta che emigrare. Dei 260 miliardi di euro “prestati” dai creditori, l’89,7% è servito per ripagare i debiti.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.