stiamo tranquilli…

Stati Uniti: incendi e costruzioni in legno

0 commenti

Alana Semuels su Time racconta come si costruiscono le case negli Stati Uniti e di una scelta di un materiale che appare irragionevole: il legno.

La domanda nasce spontanea: in un’epoca dove gli incendi aumentano e aumenteranno, come mai continiuamo ad usare il legno?

L’incendio ha consumato la collina, carbonizzando alberi, cespugli e case nel suo percorso di devastazione di 70.000 acri nel nord della California. Ma la casa di Sean Jennings non è bruciata. Le sue pareti di stucco rossastro e il tetto verde sembravano sorprendentemente puliti, appollaiati sul fianco della collina tra le auto bruciate e la cenere bianca lasciata dalla scia dell’incendio. All’interno, i Lego e le decorazioni natalizie non si sono sciolti e il serbatoio del propano dietro la casa era pieno per ¾.

Il «segreto» di Jennings è molto semplice, non ha usato il legno ma dei pannelli in parte metallici per la costruzione della sua casa.

Semuels affronta poi l’impatto ambientale e sulle emissioni di CO₂ del legno: Beverly Law dell’Oregon State University, stima che, del legname raccolgo nell’ultimo secolo, solo il 20% sia ancora in costruzioni non demolite, il resto è finito nell’atmosfera. Anche dal punto di vista del costo, le case costruite con materiali ignifughi costerebbero solamente il 10% in più. Le cose stanno cambiando molto lentamente:

A causa delle modifiche apportate alle norme edilizie contro gli uragani nel sud degli Stati Uniti, il numero di case con struttura in cemento armato costruite dal 2018 al 2019 è cresciuto del 46%, secondo l’Associazione nazionale dei costruttori di case. Le case con struttura in cemento hanno ora una quota di mercato doppia rispetto al 2009, quando erano solo il 5% del mercato. Watson, il costruttore della California settentrionale, è stato contattato da alcune aziende vinicole a cui è stata revocata l’assicurazione antincendio e che stanno cercando alternative al legno.


Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.